Rotta verso il cuore della Gallura nel nord Sardegna alla scoperta del Borgo di Aggius!!

Se nello scorso episodio vi abbiamo portato nella Barbagia di Ollolai alla ricerca dell’autore di No Potho reposare e a scoprire la storia di Gonario di Torres e della Chiesa “più alta della Sardegna”, oggi faremo rotta verso il cuore più autentico della Gallura, dove si erge un paese affascinante, che pur che conservando e valorizzando tradizioni ataviche, è divenuto un’attraente località turistica.

aggiusjpg

Dopo circa un’ora di viaggio da Olbia raggiungiamo il paese di Aggius, un gioiello nascosto tra le maestose montagne del nord Gallura, un luogo dove il tempo sembra sospeso tra le rocce granitiche ed i boschi che lo circondano.  

Iniziamo la nostra giornata addentrandoci negli stretti vicoli lastricati, costeggiati da case tradizionali con le loro facciate in granito, che raccontano di vite vissute con semplicità e autenticità, custodi di segreti tramandati di generazione in generazione. 

centro storicojpg

Ammiriamo la facciata della Chiesa parrocchiale di Santa Vittoria, eretta nel 1536, che ha subito restauri in epoche successive, come la ricostruzione della facciata nel 1856 e l'edificazione del campanile, alto 33 metri, nel corso del XX secolo. 

Camminando tra le viuzze del centro, la predominanza del granito è evidente, sia nelle imponenti murature degli edifici che nei selciati delle vie, dei vicoli e delle piazzette.

I toponimi conservano le antiche denominazioni: Piazza di li Baddhi (la Piazza delle danze), Piazza di la Pampana un gioco antico e Piazza Paràula, (Piazza parola), in cui pare ci si recasse per suggellare accordi.


pamapanajpg

Proseguendo il percorso, ammiriamo la Chiesa di Nostra Signora del Rosario, sede dell’ omonima confraternita con la sua facciata e scalinata in granito, edificata alla fine del XVI secolo. 

ns del rosariojpg

Dal momento che è quasi l’ora di pranzo, ci spostiamo dal centro storico e ci dirigiamo verso un’ oasi di pace e relax: il Parco Santa Degna e il suo omonimo laghetto di origine artificiale, ricavato dallo sbarramento del Rio La Pitraia, luogo in cui le donne un tempo usavano lavare i panni.

parco 2jpg

Parcheggiamo l’auto nell’ampio piazzale prospiciente al parco e scendiamo lungo una bella scalinata tra i boschi.

Le acque del lago riflettono la vita in un tripudio di colori e movimenti: cigni eleganti, anatre colorate, pesci rossi che nuotano placidi e tartarughe d’acqua che prendono il sole su una roccia che affiora in superficie. 

parco 1jpg

Ci sono diversi punti lungo il percorso dove ci si può fermare e godere della quieta atmosfera circostante e si può usufruire di spazi attrezzati per picnic. Ed infatti ne approfittiamo per fare un pranzo al sacco. 

Questa oasi è senza dubbio un luogo adatto a chiunque cerchi un po' di relax, alle famiglie con bambini e agli amanti dello sport. 

Tra i boschi si dipanano diversi sentieri, perfetti per: 

  • escursioni a piedi;
  • in mountain bike;
  • a cavallo. 

Ci tratterremmo volentieri a leggere un libro e a rilassarci all’ombra delle sugherete, ma dobbiamo riprendere la nostra esplorazione del paese, andando ad approfondire la sua storia e le sue tradizioni.

meocjpg

Iniziamo con una visita al MEOC, il Museo Etnografico “Oliva Carta Cannas”.*4 , ospitato in un'antica costruzione nel cuore del centro storico di Aggius, vicino alla Chiesa settecentesca del Rosario.

Ad accoglierci troviamo Tiziana, della cooperativa Agios che gestisce le attività inerenti al museo, che con grande disponibilità ci introduce alla storia del Museo e del paese.

Il percorso museale include la visita a una quindicina di stanze che riproducono la vita quotidiana e gli antichi mestieri del paese, esponendo una vasta collezione di oggetti e macchinari originali che narrano la storia, la cultura e le tradizioni di Aggius e della Gallura. 

meoc 2jpg

All'interno del museo, ampi spazi sono dedicati alle botteghe tradizionali, come quella del calzolaio, del fabbro e del falegname, mentre un angolo è riservato alla lavorazione del sughero e del granito, le pietre caratteristiche della zona.

La visita prosegue con la ricostruzione di una cantina e di un magazzino, offrendo un'immersione didattica nelle pratiche di vinificazione e nella conservazione degli alimenti. 

Il percorso museale si completa con la visita alla cucina e alla camera da letto tradizionali, arredate con mobili d'epoca e arricchite da oggetti della vita quotidiana.

Un'ampia esposizione di costumi tradizionali, maschili e femminili, arricchisce ulteriormente il patrimonio esposto. 

Il fulcro del museo è dedicato all'arte della tessitura, con una stanza appositamente allestita dove le tessitrici del luogo organizzano laboratori sulle le tecniche di lavorazione dei tappeti aggesi.


tappeto aggiusjpg

Il MEOC ospita infatti la “Mostra Permanente del Tappeto Aggese“, pregiato manufatto famoso in tutta l’isola, in Italia e all’estero.  

Il percorso si conclude nella sala delle teche, dove è esposto un angolo dedicato al celebre coro di Aggius. Qui sono conservate fotografie del coro del 1928, quando si esibì al Vittoriale di Gabriele D'Annunzio, e una lettera dello stesso D'Annunzio che elogia le doti canore dei membri del coro. 

Su un altro livello del Museo si trova una sala con la ricostruzione di una spezieria, l’antica erboristeria, con essenze esiccate e catalogate accuratamente e con descrizione delle proprietà di ciascuna; una seconda sala che riproduce un’aula scolastica del 1800 ed infine una sterza stanza in cui è stato ricreato l’antico ufficio postale, realmente ospitato in quel luogo. 

meoc 4jpg

La visita al Museo Etnografico offre un'esperienza interattiva e personalizzata del patrimonio etnografico gallurese, con percorsi tematici adatti a ogni tipo di visitatore. 

Dopo la visita a questo interessantissimo museo, continuiamo la nostra immersione nella storia e nelle tradizioni del luogo e cerchiamo le tracce di un noto personaggio aggese, Sebastiano Tansu meglio noto come “il Muto di Gallura” figura intrisa di leggenda che ispirò gli l’omonimi romanzo di Enrico Costa ed il recente film diretto da Matteo Fresi, uscito nelle sale nel 2022.

Si dice che fosse un bandito astuto e abile nel muoversi tra le aspre terre della Gallura.

muto di gallurajpg

Le storie intorno a lui mescolano elementi di avventura, mistero e giustizia popolare, rendendolo un personaggio affascinante nella cultura e nella tradizione sarda.

Ci facciamo accompagnare dalla nostra guida Tiziana a visitare il Museo del Banditismo, che si articola in quattro sale e propone una rassegna particolare di dossier giudiziari, atti e documenti di processi d'imprese criminali, costumi d'epoca, la descrizione della vita di alcuni famosi latitanti, le armi usate dai carabinieri per dare la caccia ai famosi fuorilegge che hanno popolato le montagne della Sardegna, sfidando l'autorità e diventando per la comunità locale vere e proprie leggende viventi. 

museo del banditismojpg

Il percorso museale ripercorre le vicende dei banditi più famosi della regione, le loro gesta, le loro vicende personali, i motivi che li spinsero a scegliere la via del crimine, le loro abitudini di vita e le tecniche che adottavano per sfuggire alla cattura. 

Tra i pezzi più interessanti esposti, ci sono armi antiche, cimeli, documenti originali e reperti archeologici che testimoniano la loro presenza e la loro lotta contro le forze dell'ordine. Ogni oggetto racconta una storia, restituendo vita e colore a un'epoca segnata dalla sfida tra giustizia e ribellione. 

ufficojpg

Ma il Museo del Banditismo non si limita a esplorare il lato oscuro della storia sarda; offre anche uno sguardo approfondito sul contesto storico, sociale e culturale in cui si svilupparono queste vicende. rappresenta una tappa imperdibile nel viaggio alla scoperta della Sardegna più autentica e affascinante.

È ormai giunta la sera, così lasciamo il Museo del banditismo e ci dirigiamo verso un punto panoramico a nord del paese per salutare il giorno appena trascorso.


visualejpg

Oggi vi vogliamo salutare da qui, ammirando le rocce granitiche, antiche e imponenti che si tingono di tonalità calde e dorate, alla luce del tramonto e ci godiamo lo spettacolo ripensando alla nostra giornata, che ci ha regalato un'esperienza unica, ci ha arricchito di nuove conoscenze e di emozioni intense che resteranno impresse per sempre nei nostri ricordi.

Dai un’occhiata al VIDEO dell'episodio:

<<< Video quinto episodio - seconda serie


Vai all'elenco artcioli BLOG:

<<< BLOG Quando ci GIRA